PAESAGGI DELLA MENTE

MIRANO: SI INAUGURA SABATO LA MOSTRA “PAESAGGI DELLA MENTE”

Sabato 24 febbraio 2018 alle ore 16.00 sarà inaugurata la mostra “PAESAGGI DELLA MENTE” nella Barchessa di Villa Giustinian-Morosini “XXV Aprile” a Mirano, organizzata dal Comune e dalla Commissione Pari Opportunità. La mostra “PAESAGGI DELLA MENTE” presenta le opere di Mariapia Lionello, Benedetta Socal e Claudio Trevisan. La scelta di accumunare tre linguaggi artistici diversi – rispettivamente fotografia, incisione e pittura a tecnica mista, evidenzia una visione comune del paesaggio, sentito come luogo della mente. Ciò che l’occhio può cogliere è sempre mediato dall’interpretazione che l’uomo ne dà e ne consegue che ciò che l’artista può esprimere è sempre un paesaggio interiore, una propria visione del mondo. Così attraverso tre diverse modalità di interpretazione gli autori si raccontano e raccontano la loro idea di realtà: per Benedetta Socal il paesaggio è reso deserto da un’umanità che paga per gli errori compiuti, Claudio Trevisan sembra cercare una nuova creazione in cui l’uomo possa ricominciare, Mariapia Lionello si sofferma in un microcosmo di dettagli che colgono l’essenza dei luoghi visitati e dei luoghi della mente.
La mostra si terrà alla Barchessa di Villa Giustinian-Morosini “XXV Aprile”, in via Mariutto n. 1 a Mirano, da sabato 24 febbraio a giovedì 8 marzo 2018. Sarà aperta nei seguenti orari: sabato e domenica dalle 9.00 alle 12.00 e dalle 15.00 alle 17.30; martedì e giovedì dalle 15.00 alle 17.30. L’inaugurazione sarà sabato 24 febbraio alle ore 16.00.
Altri due eventi collaterali legati tematicamente alla mostra si terranno nella stessa sede:
– sabato 3 marzo alle ore 16.00 Patrizia Castagnoli presenterà il suo libro “E oltre. Sulle tracce di Ernesta Oltremonti, pittrice”, dedicato alla riscoperta di un’artista dimenticata dalla grande storia dell’arte italiana.
– giovedì 8 marzo alle ore 16.00 Daniela Zamburlin presenterà il suo libro “Fiabe popolari veneziane / Venetian folk fairy tales”, che raccoglie fiabe appartenenti alla più autentica tradizione popolare veneziana. I testi sono stati liberamente scelti tra i molti oggi disponibili e, dall’originario dialetto, sono poi stato tradotti e trascritti in italiano per approdare infine alla lingua inglese. Per il sottile umorismo che percorre il testo e per la comicità di molte situazioni in cui spesso si trovano i protagonisti tradurre queste fiabe e trascriverle è stato un vero divertimento. Il libro è corredato da illustrazioni disegnate appositamente per i temi delle fiabe trattate.

About Alessandro Tessari

Check Also

NOTTI DEL MIRANESE

LE NOTTI DEL MIRANESE: OTTO COLORI PER OTTO PIAZZE

NOTTI DEL MIRANESE L’estate si accende già a maggio: tornano a fine mese le celebri …